Logo Confesercenti
,

Contanti: Confesercenti, dall’obbligo di Pos al prelievo nei negozi, su cash e moneta elettronica 10 anni di interventi e incertezze

Contanti: Confesercenti, dall’obbligo di Pos al prelievo nei negozi, su cash e moneta elettronica 10 anni di interventi e incertezze

Contante no, contante sì. Dopo il tetto al cash, l’obbligo di POS e il rilancio della lotteria dello scontrino, ora si pensa a rendere possibile prelevare contanti nei negozi. Un riconoscimento dell’impossibilità di eliminare banconote e monete, ma anche l’ennesimo provvedimento contradditorio sui pagamenti, fronte su cui negli ultimi dieci anni si sono moltiplicati interventi e incertezze, mentre l’accordo per tagliare le commissioni POS per i piccoli esercenti non ha ancora prodotto risultati.

Così Confesercenti.

Dalla crisi del debito in poi, la questione dell’uso del contante ha assunto una rilevanza sempre più marcata. Le transazioni cash, viste ingiustamente come indizio se non sintomo di infedeltà fiscale, sono state limitate e scoraggiate. Prima l’introduzione di un tetto ai contanti, cambiato già più volte. Poi le misure a favore della moneta elettronica, dai grandi investimenti del cashback (che non ha prodotto i risultati sperati) alla “gamification” della lotteria dello scontrino, che dovrebbe ripartire a breve, in forma istantanea, solo per chi paga con carta. Ma anche obblighi e sanzioni per imporre l’accettazione di pagamenti con carte e bancomat, senza considerare i costi sostenuti dagli esercenti.

Unica mano tesa, la previsione – con la legge di bilancio dello scorso anno – di imporre agli istituti di ridurre le commissioni pagate dalle piccole imprese su carte e bancomat, che costano circa 5 miliardi di euro l’anno. E pesano soprattutto sulle attività di minori dimensioni, che in Italia sono la maggioranza: quelle con fatturato annuale inferiore ai 400mila euro sono 2,5 milioni, oltre la metà del totale delle imprese. Per arrivare al taglio si è costituito un tavolo presso il MEF, che ha visto lavorare rappresentanti delle imprese, delle banche e degli intermediari per arrivare ad un accordo per mitigare i costi della moneta elettronica. Un accordo che però non ha ancora generato riduzioni apprezzabili delle commissioni. Non raggiunto neanche l’obiettivo della trasparenza, rendendo chiare ed esplicite le condizioni applicate da banche e intermediari. La comparazione fra le offerte, pubblicata sul CNEL, è una babele in cui è impossibile districarsi se non affidandosi a un esperto. E le migliori condizioni non sono applicate d’ufficio dalle banche: sono le imprese a dover presentare istanza. Un sistema che a nostro avviso non funziona: chiederemo revisioni e verifiche dell’efficacia del protocollo.

Ora, nella legge di bilancio di quest’anno, si prevede di far diventare negozianti, tabaccai e giornalai veri e propri ‘bancomat’ per prelevare, tramite POS, fino a 250 euro in contanti. Un intervento ancora da capire, il cui obiettivo sarebbe evitare che i consumatori dei piccoli comuni non serviti da istituti bancari accumulino troppo contante presso le proprie abitazioni. Per questo, si chiede ai commercianti da un lato di sostituire le banche – che nel frattempo chiudono i propri ATM improduttivi – ed erogare contanti, dall’altro di scoraggiare l’uso del cash. Un evidente ossimoro e un’idea di difficile applicazione: il commerciante, per erogare contanti, dovrebbe infatti detenere disponibilità di liquido congrue, con tutti i rischi che ne derivano. Per una commissione prevedibilmente non superiore a un euro, forse il gioco non vale la candela.

L’articolo Contanti: Confesercenti, dall’obbligo di Pos al prelievo nei negozi, su cash e moneta elettronica 10 anni di interventi e incertezze proviene da Confesercenti Nazionale.

Tag
Condividi